Bisogno di Stare Insieme

Published by Giant Trees Foundation 20 August 2021
Article
placehold

Bisogno di stare insieme.

E’ quello di cui avevano bisogno molti studenti

al termine di quest’anno scolastico trascorso in modo ondivago tra didattica in presenza e on-line. Un bisogno reale. Per soddisfarlo sono venuti in aiuto la Giant Trees Foundation e il comune di Ampezzo che hanno messo a disposizione le loro strutture: la Baita Torino e il rifugio Tita Piaz al passo Pura in seno al progetto della Forest Summer School, giunto alla sua terza edizione.

In questa settimana l’obiettivo era ripristinare il sentiero per non vedenti e ipovedenti distrutto dalla tempesta Vaia nel 2018 e dalle abbondanti nevicate del 2020. Impresa non da poco considerando che i 25 fortunati giovani del Liceo Galileo Galilei di Trieste, che hanno aderito all’iniziativa, non erano certo tutti avvezzi ad usare picconi, pale, scortecciatoi, asce, roncole, zappini, tiratronchi, tenaglie e seghe.

Ma alla fine ce l’hanno fatta, si sono sostenuti ed aiutati. E’ vero, qualcuno ha lavorato di più, qualcuno di meno, è inevitabile, ma l’esperienza è servita a tutti e ognuno di loro si è portato a casa quello di cui aveva bisogno.

Come insegnante accompagnatrice mi sono ritagliata un posto di osservazione privilegiato e ho potuto assistere a litigi cui hanno fatto seguito le riconciliazioni, ad amicizie sbocciate tra persone che nemmeno si conoscevano, a ragazzi che si sono messi alla prova superando insieme le loro paure e i loro disagi. Convivere non è certo facile ma trovare il coraggio di esprimere liberamente le emozioni è importante per intessere sane relazioni. Una scuola di vita che ha dispensato regali a tutti, anche a quelli più increduli o a quelli che non avevano aspettative o ne avevano troppe.

Alla domanda: “Cosa ti porti a casa da questa esperienza? ” Tommaso ha risposto: “di certo non scorderò l’affetto dimostratomi dalle persone che mi circondavano, le emozioni provate, i tramonti sulle montagne, l’alba sorta davanti ai miei occhi e assolutamente non scorderò questa fantastica avventura vissuta insieme.

E aggiunge Emily: “Un’esperienza del genere fa maturare molto e trasmette diversi valori a ciascun individuo. Ci si porta a casa senso di responsabilità ma soprattutto, a parer mio, molta soddisfazione. È bello sapere di star facendo qualcosa insieme che aiuti, anche se in piccola parte, la natura e quindi il nostro pianeta. Da questa avventura ci si portano a casa tantissime nuove esperienze ed amicizie e penso sia un ottimo modo anche per uscire dalla propria zona di confort ed essere produttivi”.

Sono certa che nei momenti di difficoltà, che non mancheranno quest’anno, i ragazzi potranno attingere a questi momenti di fatica e gioia condivisa e credere che la solidarietà e l’amicizia sono valori incommensurabili.

placehold